Menu
article header picture

EXTRAORDINARY MIR TAKES COMEBACK VICTORY, LOI FIGHTS AND ENDS SIXTH.

The duo Leopard Racing Team were the authors of two great comebacks at the Termas de Rio Hondo. Mir won the Grand Prix having started in 16th place, Loi finished sixth overall after a hard-fought race. Deja-vu on the podium, the same as in Qatar, Joan Mir consolidating his leadership.

The lights went out at the Autodromo Termas de Rio Hondo and racing began at round 2 of the Moto3 World Championship. The Leopard Racing Team duo were on the fourth and sixth rows respectively on the grid, Livio Loi (12th) and Joan Mir (16th). But the talent of Mallorca has proven time and time again able to recover from the back. He was confident heading into the race after showing dominating pace in Free Practice.

Mir recovered immediately at the start, passing his teammate Livio Loi, and on the first lap was up in tenth place. The Belgian, Livio Loi, was engaged in a fight at the edge of the points, in 14th provisionally. After catching the leading group in just two laps, Mir began his masterpiece: the Spaniard setting a good pace and jumping his opponents one by one, taking command of the race. It took just six laps for him to reach the lead!

The Scot McPhee approached menacingly and on the eighth lap passed using the slipstream of Mir, but the Spanish rider responded at the next corner, closing the door behind him.

Meanwhile Loi passed Suzuki and Bulega, reaching the top ten. Halfway through the race, the first 5 riders with Joan Mir began to break away while Di Giannantonio and Bastaniani slipped away. Livio Loi was uncontrollable, moving to sixth place and leading the second group, challenging the likes of Fenati.

With seven laps left, a mistake saw Mir drop down the order but in one lap he recovered all his lost positions, regaining command of the race. Opponents were approaching and trying to study the lines of the leader, Mir able to close all doors ahead of the final lap. Joan Mir crossed the line and took victory at the Argentine Grand Prix in front of John McPhee and Jorge Martin; recreating the podium in Qatar: the Moto3 Championship dominated by the ‘J.M. Trio’ this year.

But above all, Joan Mir was able to establish himself as the creator of another amazing comeback from 16th place. For the talent of Palma de Mallorca this is his third career victory, his second consecutive win of the season, consolidating his leadership with a perfect score (50 p). The Leopard Racing Team was also overjoyed with Livio Loi, having fought like a lion throughout the race, holding off a hard bone as Fenati. The Belgian now occupies seventh position in the overall rankings (14 p).

 

 

#36 Joan MIR - 1st:
"What an incredible race! It was hard for me especially in the start and, once I arrived in the front group, I had to manage it in the best way. We started the championship great, but it's just the second race - everything can change in an instant, we must keep our feet on the ground. In truth I did not think I could win this race, because I started so far back; I tried to stay calm. It was a totally different race from Qatar, but I am very happy and want to thank the whole team!"

 

Livio LOI # 11 - 6th:
"It was a good race, too bad only for the first ten laps, I was caught up in traffic, sometimes with close calls with my opponents. Meanwhile leaders had already run off. Too bad, because I had the speed and pace to battle in the first group. I never gave up and I want to thank the whole team for the work we have done together. We continue like this!"


STRAORDINARIA RIMONTA DI MIR IN ARGENTINA, LOI COMBATTE E CHIUDE 6°

Il duo Leopard Racing Team è stato autore di due grandiose rimonte al Termas de Rio Hondo: Mir vince il Gran Premio scattando dalla 16° posto, Loi chiude 6° assoluto dopo una gara combattuta. Deja-vù sul podio: è lo stesso del Qatar, con Joan Mir a consolidare la sua leadership.

 

Alle 18 in punto ora locale si sono spenti i semafori all’Autodromo Termas de Rio Hondo, scenario della seconda gara della stagione 2017. Il duo del Leopard Racing Team sulla griglia parte dalla quarta e sesta fila rispettivamente con Livio Loi (12th) e Joan Mir (16th), a causa di qualifiche non esaltanti. Ma il talento di Mallorca ha dimostrato più volte nella passata stagione di poter rimontare dalle retrovie, confortato anche dal passo mostrato nelle tre sessioni di prove libere in cui ha dominato.

Mir recupera subito posizioni al via, passa il suo compagno di squadra Livio Loi, e al primo giro sul traguardo al decimo posto alle spalle del padrone di casa Rodrigo. Il belga Livio Loi è impegnato nella lotta ai margini della zona punti, in 14° posizione provvisoria. Dopo essersi ancorato al gruppo di testa, nell’ambito di appena due giri Mir compie il suo capolavoro: lo spagnolo inizia a prendere un buon ritmo e salta uno ad uno tutti gli avversari, prendendo il comando della corsa. Gli sono sufficienti soltanto 6 giri per completare la sua rimonta!

Lo scozzese McPhee si avvicina minacciosamente e all’ottavo giro passa al comando  in rettilineo sfruttando la scia di Mir, ma lo spagnolo gli risponde alla curva successiva incrociando la traiettoria. Nel frattempo Loi passa Suzuki e Bulega, raggiungendo la Top Ten. A metà gara, i primi 5 piloti con Joan Mir in testa staccano il gruppo degli inseguitori, mentre Di Giannantonio e Bastaniani scivolano via. Livio Loi è incontenibile: arriva al 6° posto guidando il secondo gruppo, sfidando a viso aperto Fenati.

A sette giri dalla fine Mir commette un piccolo errore arrivando lungo, ma in un solo giro recupera tutte le posizioni perdute riportandosi al comando della corsa. Gli avversari si avvicinano e provano a studiare le traiettorie del leader, Mir è impeccabile e chiude tutte le porte, per un ultimo giro al cardiopalma. Joan Mir taglia per primo il traguardo e vince il Gran Premio d’Argentina davanti a John McPhee e Jorge Martin; si ripropone così lo stesso identico podio del Qatar: in Moto3 domina la triplice “J.M. force”.

Ma soprattutto è Joan Mir a imporsi, artefice di un’altra straordinaria rimonta dalla 16° posizione: per il talento di Palma de Mallorca si tratta della terza vittoria della carriera, la seconda consecutiva con cui ha aperto la stagione 2017, consolidando la sua leadership a punteggio pieno (50 p). Il Leopard Racing Team fa festa anche con Livio Loi: il belga ha lottato per tutta la gara come un leone recuperando posizione su posizione e tenendo a bada un osso durissimo come Fenati: ora occupa la settima posizione nella classifica generale (14 p).

 

 

#36 Joan MIR – 1°:
“Che gara incredibile! E’ stata dura per me soprattutto in avvio e, una volta arrivato nel gruppo davanti, ho dovuto gestirla nel migliore dei modi. Abbiamo iniziato il Campionato alla grande, ma è appena la seconda gara: tutto può cambiare in un attimo, dobbiamo restare con i piedi per terra. In verità non credevo di poter vincere questa gara, perché partivo da parecchio dietro; ho cercato di mantenere la calma. E’ stata una gara totalmente diversa dal Qatar, ma sono felicissimo e voglio ringraziare tutto il team!”

 

#11 Livio LOI – 6°:
“E’ stata una bella gara, peccato solo per i primi dieci giri: sono rimasto invischiato nel traffico, talvolta con dei contatti ravvicinati con gli avversari; nel frattempo i ragazzi di testa erano già scappati via. Peccato, perchè avevo la velocità e il ritmo per battagliare nel primo gruppo. Non ho mai mollato e voglio ringraziare tutto il team per il lavoro che abbiamo svolto insieme. Continuiamo così!”

 

 

 

Moto3™ Race – Gran Premio de la Republica Argentina 2017:

1 – Joan MIR / SPA / Leopard Racing / Honda / 21 laps
2 – John McPhee / GBR / British Talent / Honda / +0.261
3 – Jorge Martin / SPA / Del Conca Gresini / Honda / +0.339
6 – Livio Loi / BEL / Leopard Racing / Honda / +7.598

 

 

Moto3™ World Standing 2017:

1 - Joan MIR 50
2 - John McPhee 40
3 – Jorge Martin 32
7 – Livio LOI 14