Menu
article header picture

Leopard Racing looks to turn the page at the Sachsenring

An error in strategy at the TT Circuit prevented Mir from achieving his second consecutive win. House's bitter also for his team-mate Livio Loi, out of the points area.

At 11:00 local time, the lights in Assen went out, known often as 'Cathedral of Speed' Assen was host to the eighth race of the 2017 season. The Leopard Racing Team duo appeared on the starting grid with high morale after an encouraging Warm Up in the morning, confirming the competitiveness of Joan Mir (3rd) and the pace of his team-mate Livio Loi (16th), who treats Assen as a home race.

The talent of Palma de Mallorca's started well, jumping straight into the Top3 behind the poleman Martin and local hero Bendsneyder hero. Meanwhile Livio Loi remained enthralled in the back traffic of the Oettl and Binder on the KTMs. On the fourth lap the lead group was made of six riders, Martin and Bo alternating the lead, with Joan Mir retaining third position.

Livio Loi was anchored in the 24th battlefield with Toba and Herrera. On the 8th lap his advantage on the group, previously opened to 3 seconds, was cut by the return of his pursuers captained by Canet. They continually alternated the lead and sent the fans wild at every turn. 5 laps from the end, the game began to get harder: McPhee comes back with Ramirez, while Mir remains always alert in the Top3.

A lap later the Spaniard of the Leopard Racing Team took command of the race, followed by the Scottish and the reborn Danilo. McPhee appeared in the rear vision mirrors of Joan Mir. But with four corners until the finish, the Spaniard committed a small mistake in strategy. The heat of battle saw him leave a gap open and dropped him down to ninth at the line. His team-mate Livio Loi, struggling with the rear grip, closed the race in 21st and out of the points area.

The two colleagues of the Leopard Racing team will learn from their mistakes, without letting themselves be demoralized: in seven days the rematch is booked at Sachsenring!

 

#36 Joan MIR - 9th:
"It was a great race, in the final lap I knew I had something more than the others and I could win. I missed the strategy in the last lap: four laps from the finish line I slowed down to make my run but a rider came past then the advantage of the slipstream in the last chicane proved. In spite of everything, we have the edge over our rivals in the standings; It is not a negative result because in the end these are valuable points. No one is infallible: the important thing is to learn from our mistakes. There will not be a second time."

 

#11 Livio LOI - 21st:
"It was a very difficult race, already in the first laps I lost many positions. After that I was struggling to find the rhythm and I had no grip at the back. I could not push hard in the home race. It's a shame because the overall weekend was not so bad."


Il Leopard Racing team farà tesoro degli errori di Assen

Un errore di strategia a 4 curve dal traguardo del TT Circuit impedisce a Mir di centrare la seconda vittoria consecutiva. Gran Premio di casa amaro anche per il suo compagno di squadra Livio Loi, fuori dalla zona punti.

Alle 11:00 in punto ora locale si sono spenti i semafori al TT Assen, meglio conosciuto come la ‘Cathedral of Speed’, scenario dell’ottava gara della stagione 2017. Il duo del Leopard Racing Team si è presentato sulla griglia di partenza con il morale alto dopo l’incoraggiante Warm Up del mattino che ha confermato la competitività di Joan Mir (3°) e il passo del suo compagno di squadra Livio Loi (16°), qui in Olanda chiamato all’esame della ‘gara di casa’.

Scatta bene il talento di Palma de Mallorca, che salta ben due file e si porta subito nella Top3 alle spalle del poleman Martin e dell’eroe locale Bendsneyder; intanto Livio Loi rimane invischiato nel traffico delle retrovie stretto nella morsa delle KTM di Oettl e Binder. Al 4° giro si delinea il gruppo di testa con 6 piloti: Fenati e l’olandese si alternano al comando, con Joan Mir a conservare la terza posizione.

Livio Loi è ancorato alla 24° piazza in lotta con Toba e Herrera; all’8° giro il vantaggio del sestetto, in precedenza salito a 3 secondi, viene annullato dal ritorno degli inseguitori capitanati da Canet. In undici si involano dunque alternandosi di continuo e aprendosi a ventaglio ad ogni staccata. A 5 giri dalla fine il gioco inizia a farsi duro: McPhee in rimonta di mette davanti a Ramirez, con Mir sempre vigile nella Top3.

Un giro più tardi lo spagnolo del Leopard Racing Team prende il comando della corsa, tallonato dallo scozzese e dal redivivo Danilo. McPhee si fa vedere negli specchietti con Joan Mir a rispondergli colpo su colpo. Ma a 4 curve dal traguardo, lo spagnolo commette un piccolo errore di strategia, che risulta però decisivo: nella bagarre delle scie viene sfilato e taglia il traguardo in 9° posizione. Il suo compagno di squadra Livio Loi, in difficoltà col grip posteriore, chiude 21° fuori dalla zona punti.

I due alfieri del Leopard Racing team faranno tesoro dei loro errori, senza lasciarsi demoralizzare: tra sette giorni esatti la rivincita è prenotata al Sachsenring!

 

#36 Joan MIR – 9°:
“E’ stata una bella gara, nel finale sapevo di avere qualcosa in più degli altri e di poter puntare alla vittoria. Ho sbagliato strategia nell’ultimo giro: a 4 curve dal traguardo ho rallentato per farmi passare da un pilota e quindi sfruttarne la scia nell’ultima chicane. Nonostante tutto, abbiamo del margine sui rivali in classifica; non è un risultato negativo perché alla fine sono punti preziosi. Nessuno è infallibile: l’importante è imparare dai proprio errori. Non ci sarà una seconda volta.”

 

#11 Livio LOI – 21°:
“E’ stata una gara molto difficile, già ai primi giri avevo perso molte posizioni. Dopo ho fatto fatica a riprendere il ritmo e non avevo più grip al posteriore. Non ho potuto spingere forte nella gara di casa. Peccato perché il weekend nel complesso non era andato poi così male.”

 

 

Moto3™ Race – TT Assen 2017:

1 – Aron Canet / SPA / Estrella Galicia 0,0 / Honda / 22 laps
2 – Romano Fenati / ITA / Marinelli Rivacold / Honda / +0.035
3 – John McPhee / GBR / British Talent / Honda / +0.117
4 – Jorge Martin / SPA / Del Conca Gresini / Honda / +0.310
5 – Jules Danilo / FRA / Marinelli Rivacold / Honda / +0.532
9 – Joan MIR / SPA / Leopard Racing / Honda / +0.980
21 – Livio Loi / BEL / Leopard Racing / Honda / +34.338

 

 

Moto3™ World Standing 2017:

1 – Joan MIR 140
2 – Aron Canet 110
3 – Romano Fenati 108
4 – Jorge Martin 89
19 – Livio LOI 15