Menu
article header picture

Mir retains championship lead, Loi ends in the points

The Spaniard crossed the line in eighth to retain the championship lead. The Belgian fought in a large group of opponents and conquered the points. A red flag on the third lap saw the race cut to 12 laps.

At 11 local time (20°C air / 28°C asphalt), the lights at Austin's CoTA went out and the third race of the 2017 season began. Leopard Racing Team's duo were located on the first row with Joan Mir, thanks to a last lap dash in Qualifying, while his team-mate Livio Loi opened the sixth row.

At start Mir remained glued to pole-setter Canet as Loi kept his position while wrestling with Oettl and Migno. On the second lap, Canet already had a one second advantage but it was all in vain as Japan’s Toba fell at Turn 14, causing Race Direction to bring out the red flag. A quick re-start race with only 12 laps.

Mir chased the lead once again, joined by the likes of Martin. Marinelli Rivacold's Fenati began to duel with Canet for first place, while Mir grappled with the Del Conca Gresini duo and launched a chase of the two fugitives out the front. Meanwhile Loi climbed to 14th position. But soon drama struck as Canet suffered a high-side, leaving the command of the race to Fenati. Loi also passed Rodrigo, climbing to 12th place provisionally and heading the third group.

The winner, who has already won on this track, eased away into the distance while a red-hot battle raged for the final two steps of the podium. Eight riders were involved in the hectic battle, all with 1.5 seconds. In the last laps Mir’s rear began to slip, forcing the Spaniard to give up positions in the heat of battle and crossed the line in eighth position; Livio Loi gritted his teeth to claim the last point of the day.

Joan Mir leaves Texas still at the top of the table with 58 points, but his opponents are very close. Jorge Martin (52 p.) is the only rider to climb on the podium this year at all rounds and Romano Fenati (45 p.) has found some of his old speed. Belgian Livio Loi keeps the Top Ten dream alive with 15 points in total. Now back to Europe, in two weeks running in Jerez de la Frontera: the challenge is open!

 

 

#36 Joan MIR - 8th:
"It was a very difficult race for me. We went off well but after a lap I felt grip problems. Throughout the weekend we never found a setup that pleased us. Such a pity! In the last laps I could not fight as I wanted because the rear wheel slipped a lot and I was really at the limit. This is the circuit I like the least on the calendar. I cannot wait to go to Jerez to fight like in the first two races."

 

#11 Livio LOI - 15th:
"The race was not good, I'm really angry. I lost a couple of positions in the start, but then I managed to get a good pace and came to the group where I was slow, losing sight of the guys in front. I should have done better in qualifying to better my grid position, especially on this track. There is speed and we can point to the podium: now we will go to Jerez to do well."


Mir conserva la leadership, Loi chiude in zona punti

Lo spagnolo taglia il traguardi in ottava posizione e conserva la leadrship della classifica iridata; il belga lotta in folto gruppo di avversari e conquista la zona punti. Bandiera rossa al terzo giro per l’incidente occorso a Toba e nuova distanza di 12 giri.

Alle 11 in punto ora locale (20°C aria / 28°C asfalto) si sono spenti i semafori al CoTA di Austin in Texas, scenario della terza gara della stagione 2017. Il duo del Leopard Racing Team ritrova la prima fila con Joan Mir grazie a un ultimo giro capolavoro in qualifica, mentre il suo compagno di squadra Livio Loi apre la sesta fila.

Allo start Mir rimane incollato inizialmente al poleman Canet, anche Loi mantiene la posizione lottando a viso aperta con Oettl e Migno. Al secondo giro Canet ha già 1” di vantaggio ma è tutto vano, perché un passaggio più tardi il giapponese Toba cade alla Curva14 rimanendo pericolosamente a bordo pista: la Race Direction espone la bandiera rossa. Quick re-start race con soli 12 giri.

Fenati e Di Giannantonio saltano Mir, a sua volta incalzato anche da Martin. L’ascolano del team Marinelli Rivacold inizia a duellare con Canet per la prima posizione, mentre Mir salta il duo Del Conca Gresini e si lancia all’inseguimento dei due fuggitivi; nel frattempo Loi sale in 14a posizione. Ma al giro successivo, il colpo di scena: alla curva 19 Canet viene disarcionato con un high-side lasciando il comando a Fenati. Loi supera anche Rodrigo, balza al 12° posto provvisorio e si mette in testa al terzo gruppo.

Fenati, già vincitore nella scorsa stagione su questo tracciato, saluta la compagnia mentre alle sue spalle impazza la lotta per gli ultimi due gradini del podio: a contenderseli un trenino di ben  8 piloti, tutti racchiusi in 1”5. Negli ultimi giri la ruota posteriore di Mir inizia a pattinare costringendo lo spagnolo a cedere posizioni e chiudere ottavo; Livio Loi rimane imbottigliato nel traffico degli inseguitori ma stringe i denti e conquista l’ultimo punto a disposizione.

Joan Mir lascia il Texas ancora al comando della classifica iridata con un bottino di 58 punti, ma gli avversari sono vicinissimi: Jorge Martin (52 p.) è l’unico pilota ad essere sempre salito sul podio quest’anno e Romano Fenati (45 p.) ha ricordato che sarà un osso duro sino alla fine. Il belga Livio Loi conserva la Top Ten con 15 punti raccolti in totale. Ora si torna in Europa, tra due settimane si corre a Jerez de la Frontera: la sfida è apertissima!

 

 

#36 Joan MIR – 8°:
“E’ stata una corsa molto difficile per me. Siamo partiti bene ma giro dopo giro avvertivo dei problemi di grip: in verità in tutto il weekend non abbiamo mai trovato un setup che ci soddisfacesse. Un vero peccato! Negli ultimi giri non ho potuto lottare come avrei voluto perché la ruota posteriore pattinava molto ed ero davvero al limite. Questo era il circuito del calendario che mi piaceva di meno. Non vedo l’ora di andare a Jerez per lottare come nelle prime due gare.”

 

#11 Livio LOI – 15°:
“La gara non è andata bene, in realtà sono molto arrabbiato. Ho perso un paio di posizioni al via, ma poi sono riuscito a prendere un buon ritmo e sono arrivato in gruppo dove sono stato rallentato, perdendo di vista i ragazzi davanti. Avrei dovuto fare delle qualifiche migliori per posizionarmi meglio, specialmente su questa pista. La velocità c’è e possiamo puntare al podio: ora andremo a Jerez per fare bene.”

 

 

Moto3™ Race – Grand Prix of the Americas 2017:

1 – Romano Fenati / ITA / Marinelli Rivacold / Honda / 12 laps
2 – Jorge Martin / SPA / Del Conca Gresini / Honda / +4.504
3 – Fabio Di Giannantonio / ITA / Del Conca Gresini / Honda / +4.527
8 – Joan Mir / SPA / Leopard Racing / Honda / 5.852
15 – Livio Loi / BEL / Leopard Racing / Honda / +13.491

 

Moto3™ World Standing 2017:

1 - Joan MIR 58 points
2 - Jorge Martin 52 p.
3 - John McPhee 49 p.
4 - Romano Fenati 45 p.
10 - Livio LOI 15 p.