Menu
article header picture

Precious points for Mir in mad Mugello race

The Spaniard of the Leopard Racing Team finishes the 2017 Grand Prix in seventh position, maintaining an unchange advantage over his rivals in the championship. Trouble for his teammate Livio Loi, outside the points

At 11:01 local time, the traffic lights of the Mugello race went out, the sixth race of 2017 getting underway. The duo of the Leopard Racing Team started from the first (Mir) and the ninth (Loi) rows. Mir’s front row coming after yesterday’s miracle, where he landed on the front row with just a single flying lap as the flag came out.

From the beginning of the race it was immediately apparent that achieving victory would be no simple matter. A swarm of riders all fought for the lead, using a variety of different lines in every corner. Joan Mir fought with a knife between his teeth for the top five. His team-mate Livio Loi, after a great Warm Up, was still at the back of 26th place.

Turn 1 saw almost constant action, riders heading in six abreast. Palma de Mallorca's talent fell to 9th position after contact with Binder, but in just one corner he returned the favour to take command of the race with a big break at San Donato. Just as with the South African, this stared a barrage of attacks from all comers.

But soon it became a game of tactics and slipstream and in the last laps we had 24 pilots in just 2.5 seconds. Livio Loi did not find the feeling with his bike, but the Belgian clenched his teeth and returned to 23rd place. At the head of the race, the daggers were drawn by a dozen riders who brawled for the win. Mir was good at keeping up and making no mistakes.

The Spaniard cut the finish line in seventh  position, bringing home more prestigious points in the World Championship, taking advantage of the traffic that relegated his rivals to the edge of the points zone. Mir climbs to 108, leaving the gap of 34 points unchanged to his pursuers. And we're just one-third of the season, but the World Championship does not know a break: in a week we run to Montmelo!

 

 

 

#36 Joan MIR - 7th:
"I am not very happy for today's seventh position, but I'm also happy because in this race the main goal was to pick up points: I knew perfectly well that here at Mugello the race would be a madness ... but not like this! It was a really crazy race: there were several overtaking moves and many contacts, on a couple of occasions I even risked falling off. I tried to do my best, hoping in the last laps to be a bit ahead. We are always leading in the rankings with the same gap, and now we head to tracks I like."

 

#11 Livio LOI - 23rd:
"It was a very difficult race, one of the most difficult of all my career. All weekend we had problems and in the race I could not follow the group: in some places I lost too much time and did not feel the right feeling with the bike. Let's see how to improve for the next race."


Punti preziosi per Mir nella folle gara del Mugello

Lo spagnolo del Leopard Racing Team conclude il Gran Premio d’Italia 2017 in settima posizione, mantenendo invariato il gap di vantaggio sui diretti rivali. In difficoltà il suo compagno di squadra Livio Loi, fuori dalla zona punti.

Alle 11:01 ora locale si sono spenti i semafori all’autodromo del Mugello, scenario della sesta gara della stagione 2017. Il duo del Leopard Racing Team, rispettivamente con Mir e Loi, sulla griglia parte dalla prima e dalla nona fila: da sottolineare la performance dello spagnolo, che ieri in qualifica ha compiuto ieri un vero e proprio ‘miracolo’, conquistando la prima fila nell’ultimo giro prima della bandiera a scacchi.

Sin dai primi metri dopo lo start, nel corso del primo giro, si capisce subito che la vittoria non sarà un affare semplice con un folto gruppo di piloti che iniziano ad avvicendarsi al comando incrociando le loro traiettorie: Joan Mir lotta subito col coltello tra i denti in piena Top Five; il suo compagno di squadra Livio Loi invece, dopo un ottimo Warm Up in sordina, rimane invischiato nel traffico delle retrovie, in 26° posizione.

Iniziano le sportellate, come quella rifilata da Binder a Mir alla Curva 1: il talento di Palma de Mallorca scende in 9 posizione, ma in appena 1 giro restituisce il favore alla concorrenza prendendo il comando della corsa con una gran staccata alla San Donato. Proprio con il sudafricano, a partire da metà gara, inizia una bagarre nella quale si inserisce anche Fenati.

Ma ben presto entra in scena il gioco delle scie e negli ultimi giri troviamo ben 24 piloti in appena 2”5. Livio Loi non trova il feeling con la moto, ma il belga stringe i denti e risale al 23 posto. In testa alla corsa la bagarre impazza con una decina di piloti che ad ogni gara si aprono a ventaglio e si infilano in spazi strettissimi. Mir è bravo a tenere testa e a non commettere errori.

Lo spagnolo taglia il traguardo in settima posizione assoluta, portando a casa dei punti preziosissimi in ottica campionato, approfittando anche del traffico che ha relegato i suoi diretti rivali ai margini della zona punti: Mir sale a quota 108, lasciando invariato il gap di 34 lunghezze sugli inseguitori. E siamo solo a un terzo della stagione, ma il Campionato del Mondo non conosce pausa: tra una settimana si corre al Montmelo!

 

#36 Joan MIR – 7°:
“Non sono molto contento per la settima posizione di oggi, ma sono ugualmente soddisfatto perché in questa gara l’obiettivo principale era raccogliere punti: sapevo perfettamente che qui al Mugello la corsa sarebbe stata una follia… ma non fino a questo punto! E’ stata una gara veramente pazza: ci sono stati diversi sorpassi e molti contatti, in un paio di occasioni ho rischiato anche di cadere. Ho cercato di fare del mio meglio, speravo negli ultimi giri di riuscire a stare un po’ più davanti. Siamo sempre leader in classifica con lo stesso gap, adesso arrivano le piste che ci piacciono.”

 

#11 Livio LOI – 23°:
“E’ stata una gara molto difficile, una delle più difficili di tutta la mia carriera. Per tutto il weekend abbiamo avuto dei problemi e in gara non ho potuto  seguire il gruppo: in alcuni punti perdevo troppo tempo e non avevo il feeling giusto con la moto. Vediamo adesso come migliorare per la prossima gara.”

 

 

Moto3™ Race – Gran Premio d’Italia 2017:

1 – Andrea Migno / ITA / Sky Racing VR46 / KTM /  20 Laps
2 – Fabio di Giannantonio / ITA / Del Conca Gresini / Honda / +0.037
3 – Juanfran Guevara / SPA / RBA BOE Racing / KTM / +0.166
7 – Joan MIR / SPA / Leopard Racing / Honda / +0.556
23 – Livio Loi / BEL / Leopard Racing / Honda / +17.713

 

 

Moto3™ World Standing 2017:

1 – Joan MIR 108
2 – Aron Canet 74
3 – Di Giannantonio 71
4 – Romano Fenati 68
5 – John McPhee 68
16 – Livio LOI 15