Menu
article header picture

The Leopard Racing team leaves Silverstone with an efficient haul

The two Leopard Racing team-mates Joan Mir and Livio Loi close the British GP with fifth and sixth places respectively at the end of a crazy and tight race finished 1 lap from the end due to the red flag. Moto3's leadership remains unchanged, Mallorca's talent keeps 64 points ahead of his rivals.

At 12:40 pm (GMT +1), Silverstone's impressive track, the twelfth round of 2017 and the 100th in the history of the Moto3 class, came alive as the light out. After yesterday's rainy day, the English sun re-emerged on the starting grid, placing the young riders in the ideal conditions to express themselves at their best on track. For the Leopard Racing team, Joan Mir and Livio Loi started from the 1st and 5th row.

Mir started well behind the poleman Fenati, with Livio Loi quickly recovering 5 positions in the traffic on the first lap. Soon the two RBA Racing team KTMs came to the front, but at the 2nd lap Palma de Mallorca's talent took command of operations. Meanwhile Loi took seventh position behind Fenati. But the head group was now together: the Gresini pair were also noted in the front. In the middle of the race Mir was free of Rodrigo and Guevara's vice while Loi was firmly in the top five.

The head group widened and the rhythm became locked, not a single rider able to escape in the lead. Livio Loi seemed to be reborn and, five laps from the end, even took the lead in the race, while his team mate temporarily slips to the edge of the Top Ten. The last three laps were the most important: Joan Mir came back and pondered a final attack, when in the last lap the incident between Guevara and Bendsneyder forced Race Direction to expose the red flag.

Joan Mir cut the finish line in fifth place followed by his teammate Livio Loi. A second consecutive successful result for Belgium after the near-podium in Austria and great leap in the rankings, guided firmly by the talent of Palma de Mallorca that kept the gap unchanged (+64 p.) on Aron Canet, who with the victory today has overtaken Romano Fenati (+66 p.)

 

#36 Joan MIR - 5th:
"I can say that 'the phenomenal fight' was not Mayweather vs. McGregor last night: it was that of Moto3 today! A crazy race from start to finish. I didn't think about the points, but I'm happy for the 5th place finish. Certainly it could have been better, but it could have ended up worse. I had a card to play for the last lap, but these are the races. Luckily this round is over, because Silverstone is not among my favorite circuits. Now there are two rounds I like, as Misano and Aragon, and I can not wait to face on them. Even last year, after this race I started to push hard."

 

#11 Livio LOI - 6th:
"It was a very difficult race, we were in a big group. All the laps were really difficult, I had to and wanted to be focused to be there in the top positions. Too bad for the red flag, because I could win the race. In the last lap I had the margin! I would like to thank my family and the whole team: we did a great job this weekend."


Il Leopard Racing team lascia Silverstone con un buon bottino

I due alfieri del Leopard Racing team Joan Mir e Livio Loi, chiudono il British GP rispettivamente con il quinto e il sesto posto assoluti, al termine di una gara pazzesca e serrata conclusa a 1 giro dalla fine per la bandiera rossa. La leadership della Moto3 resta invariata, il talento di Maiorca mantiene 64 punti di vantaggio sugli inseguitori.

All’insolito orario delle 12:40 (GMT+1) si sono spenti i semafori del suggestivo tracciato di Silverstone, dodicesimo round della stagione 2017, gara n#100 nella storia della classe Moto3. Dopo la giornata uggiosa di ieri, il sole inglese ha rifatto capolino sulla griglia di partenza, ponendo i giovani piloti nelle condizioni ideali per esprimersi al meglio. Per il Leopard Racing team, Joan Mir e Livio Loi partono rispettivamente dalla 1a e 5a fila.

Scatta bene Mir alle spalle del poleman Fenati, con Livio Loi che nel primo giro recupera ben 5 posizioni nel traffico. Ben presto le due KTM del team RBA Racing si affacciano timidamente in testa, ma al 2° giro il talento di Palma de Mallorca prende il comando delle operazioni; intanto Loi si porta in 7° posizione assoluta alle spalle di Fenati. Ma il gruppo di testa è ormai compatto: si fa notare anche il tandem Gresini. A metà gara Mir si libera della morsa di Rodrigo e Guevara, mentre Loi è ormai in piena Top Five.

Il gruppo di testa si allarga metro dopo metro e il ritmo diventa serratissimo: ad ogni staccata, in 9 si aprono a ventaglio per infilare l’avversario. Livio Loi sembra galvanizzato e, a cinque gir dalla fine, si porta addirittura in testa alla gara, mentre il suo compagno di squadra scivola provvisoriamente ai margini della Top Ten. Ultimi tre giri al cardiopalma: Joan Mir si riporta davanti e già medita l’attacco finale, quando proprio nell’ultimo giro l’incidente tra Guevara e Bendsneyder costringe la Direzione gara a esporre la bandiera rossa.

Joan Mir taglia il traguardo in quinta posizione seguito a ruota dal suo compagno di squadra Livio Loi. Secondo risultato utile consecutivo per il belga dopo il podio sfiorato in Austria e gran balzo in classifica iridata, guidata saldamente dal talento di Palma de Maiorca che ha mantenuto invariato il gap (+64 p.) su Aron Canet, che con la vittoria di oggi ha scavalcato Romano Fenati (+66 p.)

 

#36 Joan MIR – 5°:
“Posso dire che ‘la sfida del secolo’ non è stata quella tra & McGregor della scorsa notte: è stata quella della Moto3 oggi! Una gara pazzesca, dall’inizio alla fine. In nessun momento ho pensato ai punti, ma sono contento per il 5° posto finale: certo poteva essere migliore, ma avrebbe potuto anche finire peggio. Avevo una carta da giocare per l’ultimo giro, ma queste sono le corse. Per fortuna questo round è finito, perché Silverstone non è tra i miei circuiti preferiti. Adesso invece arrivano due round che mi piacciono, come Misano e Aragon, e non vedo l’ora di affrontarli. Anche l’anno scorso, dopo questa gara ho iniziato a spingere forte.”

 

#11 Livio LOI – 6°:
“E’ stata una gara molto difficile, eravamo in un folto gruppo. Tutti i giri sono stati in realtà difficilissimi, dovevo e volevo restare concentrato per esser lì nelle posizioni di testa. Peccato per la bandiera rossa, perché avrei potuto vincere la gara. Nell’ultimo giro avevo del margine! Vorrei ringraziare la mia famiglia e tutto il team: abbiamo fatto un gran lavoro in questo weekend.”

 

 

Moto3™ Race – British Grand Prix 2017:

1 – Aron Canet / SPA / Estrella Galicia 0,0 / Honda / 16 Laps
2 – Enea Bastianini / ITA / Estrella Galicia 0,0 / Honda / +0.063
3 – Jorge Martin / SPA / Del Conca Gresini / Honda / +0.111
4 – Gabriel Rodrigo / ARG / RBA Racing / KTM / +0.232
5 – Joan MIR / SPA / Leopard Racing / Honda / +0.455
6 – Livio Loi / BEL / Leopard Racing / Honda / +0.520

 

Moto3™ World Standing 2017:

1 – Joan MIR 226
2 – Aron Canet 162
3 – Romano Fenati 160
4 – Jorge Martin 121
13 – Livio LOI 47