Menu
article header picture

The triumphant ride of Joan Mir and Leopard Racing

Let's look at the strength of the Leopard Racing structure, the Majorcan rider's career and the highlights of the 2017 season.

 

Game Over!

A few hours ago in Australia, Joan Mir ended his champion’s speech as the new Moto3 World Champion. A moment a year in the making. The 4.4 km of the Phillip Island circuit was the backdrop for Mir’s moment in history, able to deliver on years of promise, having amazed racing enthusiasts along the way and earning the title of 'Miracle-Mir'!

The Spanish talent, leader of the Moto3 Championship with a 55-point advantage over his rivals, had the second match-point available for closing the championship. For Joan Mir, this fascinating circuit is a special reminder: right here, the 20-year-old Majorcan made his debut in the World Championship in 2015 as a replacement rider, qualifying 18th on the grid but was involuntarily involved in an accident when he was charging to the Top Five and a potential podium.

Despite of the weather conditions, the professionalism of engineers and mechanics delivered a fast NSF250RW to Mir’s hands, which allowed him to complete the attack on his opponents, setting off from the front row to cross the line in 1st position before the red flag and take the ninth victory of the 2017 season that means Moto3 World Championship.

The first title of the Majorcan's talented career, and the second in just three years of racing for the Leopard Racing Team. A story that begins in 2015 and is heavily connected between Joan Mir and the structure led by Miodrag Kotur and Christian Lundberg: two figures who have been able to imprint a winning-mentality into a new-team in a very short amount of time.

After joining the mini-bike championships and the Red Bull MotoGP Rookies Cup (ending as vice champion in 2014), in 2015 Joan Mir joined the Leopard Junior Team for the FIM CEV Repsol, taking four wins and earning himself a place as a replacement rider at the Australian Grand Prix of the Moto3 World Championship, substituting for the injured Hiroki Ono. 18th on the grid, the Spanish talent became the author of an extraordinary comeback to the Top Five, before finishing his race early. Two rounds later in Valencia, Leopard Racing Team won the title in their first season in the world championship with Britain’s Danny Kent.

The Majorcan's performance did not go unnoticed in the eyes of the Leopard Racing management who decided to put their full confidence in him by promoting Mir to the Moto3 World Championship. The Spaniard learned quickly and often showed flashes of his undeniable talent, but mid-season 2016 came the first major turn of his career: at Red Bull Ring in Austria, Joan Mir crushed the competition by winning pole position and the race. From that moment on, the Majorcan's talent exploded with a rampage of podiums and positive results, cruising to the title of Rookie of the Year.

For its third year of history, the Leopard Racing Team returned to Honda, entrusting the NSF250RW to help carry them back to the top of the Moto3 world. The Majorcan did not disappoint expectations and began the 2017 season with two victories in Qatar and Argentina; in particular at the Termas de Rio Hondo the rider and team became aware of what was possible. Not just due to his positions in the race, but also from his recovery from 16th position. Qualifying would almost always be his Achilles heel, but it was clear to everyone that on Sunday the Spaniard becomes a 'racing animal'. On Sunday, the only thing he knows and likes to do is attack! This is the trend that arose and soon too did the nickname of 'Miracle-Mir'.

A red flag in Texas and some physical problems forced the Spaniard to pick his battles in Austin, but Joan returned in perfect shape for the return to Europe by claiming the podium at Jerez de la Frontera and consolidating his leadership in the standings. The points advantage saw another increase in the Le Mans race in France, thanks to a fall from his chief rival Romano Fenati, Mir taking his third win in the Leopard Racing Team's first five races of 2017.

Engineers and mechanics grew around Majorcan's talent, growing and improving together with the drive of a world title. The climb of an impervious summit is never easy, and along the way you have to deal with many variables, from the competitiveness of adversaries to the changing climate. Mugello did not cause Mir to blink an eye, backing the results up again just seven days later in Barcelona. On the Montmelò track and surrounded by his fans, Miracle-Mir performed a masterpiece over the last few meters for the season’s fourth win.

A mischievous strategy saw him just miss victory in the esses of Assen. But the Majorcan is a different rider from the others, and above all seems psychologically more ruthless. Supported by the technical staff and team around him, he learned to analyze and metabolize mistakes in order to become stronger than before. This is how Joan Mir put an impressive hat-trick of wins together at Germany, the Czech Republic and (again, 1 year after his first career win) in Austria.

The points started to stack further and further in the favour of Mir, his rivals faltering as the pressure increased. Another red flag in Silverstone just a few laps from the end, deprived him of the opportunity to make the decisive attack on the podium. In the box, under the careful guidance of Christian Lundberg, Joan Mir prepared for the two critical races that awaited him before the Asian trip: Misano and Aragon. The Spaniard came out with full marks and conquered the podium at a flooded San Marino, hunting his eighth win in the season (no rider had won so much in this category born in 2012) in front of his fans at the MotorLand.

Opponents were simply unable to withstand his impressive score, and the team arrived in Japan with the greatest advantage (+80 points), but after Saturday's unsuccessful qualifying, and an aggravating penalty of six grid positions, saw the Majorcan failed to finish in the points for the first time all season. In Australia, with two races remaining, the team and Mir faced their second match point. The rest is history. Because today, Sunday October 22, 2017 season, another beautiful page of modern motorcycling history has been written. The Leopard Racing Team showed itself as the best team Moto3 category, with two world titles and a rookie title in just three seasons, confirming quality of a winning project.

Next year the roads between the creators of this beautiful fairytale will consensually diverge, with the Majorcan leading to the intermediate class. But Joan will always be part of the Leopard Racing family, and from today, we can definitely write ... 'Miracle-M1R'!


La cavalcata trionfale di Joan Mir e Leopard Racing

Quali sono stati gli ingredienti del trionfo nel Campionato del Mondo Moto3™?
Ripercorriamo insieme la solidità della struttura Leopard Racing, la carriera del pilota maiorchino e i punti salienti della stagione 2017.

 

Game, set, match: poche ore fa a Motegi (Giappone), Joan Mir ha messo fine al discorso iridato laureandosi Campione del Mondo della classe Moto3™ al suo primo tentativo utile. Una vittoria fortemente inseguita dal talento spagnolo e da tutta la famiglia del Leopard Racing Team. I 4.8 km del Twin Ring (circuito di casa della Honda) ha fatto da sfondo per l’ennesima ‘remuntada’ in cui, sin dal suo esordio nella Campionato del Mondo, il pilota si è esibito agli occhi di tutti gli appassionati del motociclismo guadagnandosi l’appellativo di ‘Miracle-Mir’!

E dire che stamani alle 11 ora locale la situazione era tutt’altro che facile: le qualifiche non perfette del sabato e l’aggravante della penalizzazione di 6 posizioni in griglia ricevuta nel dopo gara di Aragon, avevano relegato il maiorchino alla 20a casella dello schieramento, per quella che era la sua peggior partenza della stagione. La professionalità degli ingegneri e dei meccanici consegnava nelle mani dell’astro nascente una NSF250RW competitiva e veloce, che gli ha poi consentito in gara di partire all’attacco degli avversari risalendo posizione su posizione sino al XX posto oggi al traguardo: risultato che l’ha incoronato Campione del Mondo Moto3™ 2017.

Il primo titolo iridato nella carriera del talento di Maiorca, il secondo in appena un triennio di competizioni racing per il Leopard Racing Team. Una storia che parte nel 2015 e legata a doppio filo quella tra Joan Mir e la struttura guidata da Miodrag Kotur e Christian Lundberg: due figure, quella del Team Manager serbo e del Technical Director spagnolo, che hanno saputo dare in pochissimo tempo un’impronta professionale trasmettendo la giusta mentalità vincente a tutto l’ambiente.

Dopo essersi formato sulle minimoto e nella Red Bull MotoGP Rookies Cup (in cui conclude da vice-campione l’anno precedente), nel 2015 Joan Mir si lega al Leopard Junior Team per il FIM CEV Repsol, competizione in cui centra ben 4 vittorie e che gli valgono la partecipazione in qualità di wild-card al Gran Premio d’Australia del Moto3™ World Championship in sostituzione dell’infortunato Hiroki Ono: scattato 18° in griglia il talento spagnolo si rende autore di una straordinaria rimonta fino alla Top Five, prima di concludere anzitempo la sua gara. Due round più tardi, in quel di Valencia, il Leopard Racing Team conquista il titolo iridato alla sua prima stagione nel mondiale con il britannico Danny Kent.

La prestazione del maiorchino non passa inosservata agli occhi attenti del management Leopard Racing che decide di riporre in lui piena fiducia promuovendolo nel Moto3™ World Championship da pilota titolare; lo spagnolo impara in fretta e si mette in luce in diverse occasioni ma, da metà stagione 2016, arriva la svolta della sua carriera: al Red Bull Ring in Austria, Joan Mir ‘fa doppietta’ conquistando pole position e vittoria. Da quel momento, il talento del maiorchino esplode per non fermarsi più e, a furia di podi e risultati positivi e rimonte, si fregia del titolo di Rookie of the Year.

Per il suo terzo anno di storia, il Leopard Racing Team riabbraccia il costruttore Honda affidando la NSF250RW alle mani del suo alfiere con l’obiettivo dichiarato di tornare subito sul tetto del mondo. Il maiorchino non delude le attese e inizia la stagione 2017 con due vittorie in Qatar e in Argentina; in particolare è al Termas de Rio Hondo che pilota e team insieme prendono consapevolezza dei propri mezzi: non tanto perché ripetono il trionfo della gara d’esordio, quanto per la rimonta dalla 16° posizione con cui è maturato il successo. Le qualifiche saranno pure il suo ‘tallone d’Achille’, ma appare chiaro a tutti che alla domenica lo spagnolo si trasforma in un ‘animale da gara’, che azzanna i cordoli e fa l’unica cosa che sa e gli piace fare: attaccare! E’ su questo trend e che nasce il nickname di ‘Miracle-Mir’.

Una bandiera rossa in Texas e qualche problema fisico costringono lo spagnolo a tirare i remi in barca a Austin, ma Joan si ripresenta in perfetta forma per il rientro in Europa centrando il podio a Jerez de la Frontera e consolidando la sua leadership in classifica. Il vantaggio di punti vede un primo incremento nel round successivo a Le Mans in Francia, in virtù del regalo concesso dal rivale Fenati (scivolato nella ghiaia) che segna la terza vittoria in 5 gare dell’alfiere del Leopard Racing Team.

Ingegneri e meccanici si stringono intorno al talento di Maiorca, crescendo e migliorando insieme con il cuore rivolto al titolo mondiale. La scalata di un’impervia vetta non è mai così facile e, lungo il cammino si devono fare i conti con tante variabili, dalla competitività degli avversari alle cangianti condizioni climatiche: il Mugello non strizza l’occhio allo spagnolo che però si rifà appena 7 giorni dopo a Barcellona. Sul tracciato del Montmelò e sotto gli occhi dei propri tifosi, Miracle-Mir compie un sorpasso capolavoro negli ultimi metri per la quarta  vittoria stagionale.

Una strategia non perfetta gli fa sfumare il trionfo nelle ultime “esse” di TT Assen, in cui Mir viene sfilato da un folto gruppo  di avversari. Ma il maiorchino è un pilota diverso dagli altri, soprattutto appare più coriaceo psicologicamente: sorretto dall’appoggio del suo staff tecnico, impara ad analizzare e metabolizzare gli errori per poter rialzarsi più forte di prima. Accade così che, a cavallo della pausa estiva di luglio, Joan Mir mette a segno un hat-trick impressionante, salendo sul gradino più alto del podio in Germania, Repubblica Ceca e (nuovamente, 1 anno dopo la sua prima vittoria in carriera) in Austria.

I numeri del pilota del Leopard Racing Team iniziano a pesare, mentre le statistiche lo proiettano tra i protagonisti della classe Moto3. Un’altra bandiera rossa in quel di Silverstone a pochi giri dalla conclusione, lo priva della possibilità di sferrare l’attacco decisivo al podio. Nel box, sotto l’attenta guida di Christian Lundberg, Joan Mir si prepara per quelle che profilano come due gare durissime, che l’aspettano al varco prima della trasferta asiatica: Misano e Aragon. Lo spagnolo ne esce promosso a pieni voti conquistando la piazza d’onore sotto il diluvio di San Marino e centrando l’ottava vittoria stagionale (mai nessun pilota aveva vinto tanto in questa categoria nata nel 2012) davanti ai suoi tifosi al MotorLand.

Gli avversari non sono in grado di reggere il suo impressionante score e il Team vola dunque in Giappone con il margine di vantaggio più ampio (+80 punti) dall’inizio della stagione, proprio quando mancano solo 4 gare al termine e si gioca il primo match-point. Il resto è storia recente. Perché oggi, domenica 15 ottobre 2017, è stata scritta un’altra bellissima pagina del motociclismo moderno. Il Leopard Racing Team si dimostra come la realtà più solida della categoria cadetta Moto3, con due titoli mondiali e un titolo rookie in appena tre stagioni, a testimonianza della qualità di un progetto vincente.

L’anno prossimo le strade tra gli artefici di questa bellissima favola si divideranno consensualmente, con il maiorchino diretto verso la classe intermedia Moto2. Ma Joan farà sempre parte di questa che per lui ha rappresentato una famiglia e, a partir da oggi, possiamo decisamente scrivere… ‘Miracle-M1R’!

 

 

Moto3™ Race – Australian Grand Prix 2017:

1 – Joan Mir / SPA / Leopard Racing / Honda / 23 Laps
2 – Livio Loi / BEL / Leopard Racing / Honda / +0.351
3 – Jorge Martin / SPA / Del Conca Gresini / Honda / +0.359
4 – Gabriel Rodrigo / ARG / RBA Racing / KTM / +0.388
5 – Enea Bastianini / ITA / Estrella Galicia 0,0 / Honda / +0.408
6 – Romano Fenati / ITA / Marinelli Rivacold / Honda / +0.808

 

Moto3™ World Standing 2017:

1 – JOAN MIR 296
2 – Romano Fenati 226
3 – Aron Canet 184
4 – Jorge Martin 151
13 – Livio Loi 67