Menu
article header picture

An unfortunate event stops Team Leopard Racing Italia in Race 1 at Mugello

Luck wasn't on the side of Team Leopard Racing Italia today at Mugello Circuit, where the second round of 2019 Italian ELF CIV Moto3 Championship is taking place. After the pole position scored at Misano, in Race 1 Joel Kelso retired after a few meters due to a controversial event, that wasn't his fault. On the other side, Matteo Ripamonti finished the race in 14th place and so he scored a few good points for the championship standings.

Joel Kelso had just started the race from the seventh row, when something unprecedented in motorsport happened. Right after the start, the young Australian was hit by a small "cone" placed on the straight, as another rider had hit it a little earlier. Joel had to stop immediately, since his face was covered in blood. Following this event, Joel suffered a huge cut and some bruising on his upper lip and chin. Team Leopard Racing Italia will investigate on what happened, together with whom is directly responsible for this.

For what concerns Matteo Ripamonti, the young Italian rider started Race 1 from the seventh row (like Kelso). In the end, he crossed the finish line in 14th place overall and 13th in CIV Moto3. Tomorrow, Team Leopard Racing Italia will contest the second race of the weekend, whose start is scheduled at 14:55 (CET). Race 2 will last 14 laps, like the first one.


Joel Kelso (Leopard Racing Italia - #66 Honda NSF250RW)

"There's not much to say. My race finished after a few meters and it definitely wasn't my fault. A rider in front of me hit a small "cone" right after the start and that thing hit me on my face. This caused me to suffer a cut on my upper lip and chin and so I immediately had to retire. I'm really disappointed, but I couldn't do anything to avoid that."



Matteo Ripamonti (Leopard Racing Italia - #5 Honda NSF250RW)

"We haven't found the right setup yet. Qualifying Practice went really bad, while in Race 1 I only managed to recover some positions and score a few points. I'll keep working with the team to improve ahead of Race 2."



Alessandro Tonucci (Leopard Racing Italia - Team Manager)

"Joel experienced something that should never happen in racing. Right after the start, on the straight, a "cone" hit by another rider hit Kelso on his face. Of course, Joel had to stop immediately, since he suffered a cut and some bruising on his upper lip and chin. Together with all the people concerned, we'll investigate on what happened, because this event affected our performance and, especially, Joel's health. When I was a rider, I raced at Mugello many times and I had
never seen "cones" right on the straight. At least, they removed them before the following races. We feel very sorry for Joel. We'll be by his side during these hard times and we'll give him all our support. For what concerns Matteo, I obviously am unsatisfied with his result. He performed his best time at the very last lap of Race 1 and it means that he could do even better than he did. We'll work with him in order to make one more step forward for Race 2."


Un episodio compromette Gara 1 al Mugello per il Team Leopard Racing Italia

Inizio a dir poco sfortunato per il Team Leopard Racing Italia al Mugello Circuit, teatro del secondo appuntamento stagionale dell'ELF CIV (Campionato Italiano Velocità) Moto3. Reduce dalla pole position conseguita a Misano, Joel Kelso è stato costretto alla resa in Gara 1 dopo pochi metri a causa di un discusso episodio dal quale non ha alcun tipo di responsabilità. Per Matteo Ripamonti la prima corsa in programma ha invece riservato il quattordicesimo posto finale e qualche punto per la classifica di campionato.

Scattato dalla settima fila dello schieramento, Joel Kelso è stato a tutti gli effetti vittima di un evento mai registratosi prima nel Motorsport. Nelle concitati fasi della partenza, il giovane australiano è stato colpito da un ostacolo del percorso collocato in pieno rettilineo dei box, centrato pochi istanti prima da un pilota che lo precedeva. Joel è stato costretto a fermarsi immediatamente con il volto insanguinato, conseguenza di un vistoso taglio e diverse abrasioni al labbro superiore ed al mento. Il Team Leopard Racing Italia, con i diretti interessati e responsabili, indagherà sulle cause di questo episodio.

A sua volta partito dalla settima fila, Matteo Ripamonti ha recuperato diverse posizioni portando a termine la corsa al quattordicesimo posto, tredicesimo tra i piloti classificati per la graduatoria del CIV Moto3. Il Team Leopard Racing Italia sarà impegnato domani in Gara 2, con la partenza prevista alle 14:55 (CET) e 14 giri del Mugello Circuit da percorrere.

 

Joel Kelso (Leopard Racing Italia - Honda NSF250RW #66)

"C'è veramente poco da dire. La gara si è conclusa dopo pochi metri e non per colpa mia. Un ostacolo collocato in pieno rettilineo dei box mi è finito addosso, colpito pochi istanti prima da un pilota che mi precedeva. Sono stato costretto a fermarmi subito, in quanto l'impatto ad alta velocità mi ha procurato un taglio al labbro superiore ed al mento. Sono veramente deluso, ma non ho nulla da recriminarmi."

 

Matteo Ripamonti (Leopard Racing Italia - Honda NSF250RW #5)

"Siamo ancora alla ricerca del miglior compromesso di set-up. Le qualifiche non sono andate per il verso giusto, mentre in Gara 1 sono riuscito a recuperare soltanto qualche posizione e conquistare qualche punticino per la classifica. Con il team continueremo a lavorare sodo per migliorarci ulteriormente in vista della seconda gara."

 

Alessandro Tonucci (Leopard Racing Italia - Team Manager)

"Joel suo malgrado è stato vittima di un episodio che non dovrebbe mai registrarsi nelle corse. Al via un pilota ha tagliato la pista e ha preso in pieno un "birillo" successivamente finito addosso a Kelso. Chiaramente Joel è stato costretto a fermarsi subito, rimediando un taglio e diverse abrasioni al labbro superiore ed al mento. Comprensibilmente indagheremo con chi di dovere su quanto successo, perché questo episodio ha compromesso la nostra prestazione in gara, ma soprattutto la condizione fisica di Joel. A titolo personale, da pilota ho corso decine di gare al Mugello e non sono mai stati posti degli ostacoli come birilli o paletti in pieno rettilineo, tanto che poi sono stati tolti per le successive corse in programma. Ci dispiace molto per Joel, gli staremo accanto in queste ore così da mostrargli tutto il nostro supporto in questo momento difficile. Parlando di Matteo, non sono chiaramente soddisfatto del risultato finale. Ha ottenuto il suo miglior crono proprio all'ultimo giro di gara, segno che c'era del margine. Insieme a lui cercheremo di trovare una soluzione per risalire posizioni domani."